Zirvehit.info

Zirvehit.info

Scarica qgis quale versione

Posted on Author Faekree Posted in Giochi

  1. Installazione OSGeo4W per sistemi Windows
  2. Lezione 26.11 – QGIS
  3. “Se la conoscenza deve essere aperta a tutti, perché mai limitarne l’accesso?” R. Stallman
  4. QGIS 3.2 "Bonn", nuova versione per il GIS Open Source

Scarica QGIS per il tuo Sistema Operativo. I pacchetti binari (installatori) possono essere scaricati da questa pagina. La versione attuale di QGIS è la Per l'installazione su Windows andare sulla pagine Scarica QGIS. basati su ubuntugis, il quale contiene le versioni più aggiornate anche di altri software GIS . In GNU/Linux è possibile installare una versione per volta, che si aggiorna da sola, Nel sito ufficiale di zirvehit.info cliccare su scarica adesso. QGIS disponibile la nuova versione Noosa e la LTR. Per il download diretto del software potete andare in questa pagina. Change.

Nome: scarica qgis quale versione
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 15.56 MB

QGIS possiede delle ottime funzioni residenti per i processi di analisi del territorio. Nella scheda Search Criteria facciamo una ricerca del luogo chiamato Mt. Facciamo click sul risultato per individuare il posto. Adesso possiamo passare alla scheda Results e vedere le parti del dataset che rispondono positivamente ai criteri di ricerca che abbiamo impostato.

Fate click sul pulsante Download Options. A questo punto dovete fare login per accedere al sito.

In questo caso è possibile.

In caso di errori al server delle chiavi, aggiungere la chiave pubblica del repository di qgis. Per avere versioni più recenti, è necessario aggiungere repository software alternativi basati sulla versione che si vuole installare stabile, LTR o testing.

Nel caso in cui desideri installare QGIS Server nota che non è pratica comune installare sia applicazioni client che server sulla stessa macchina , digita:. This repository also provides a copy of SAGA 2. It can be installed with the following commands:. Le build di test vengono aggiornate settimanalmente.

Il pacchetto a lungo supporto qgis-ltr per openSUSE è disponibile per le versioni Il pacchetto di sviluppo qgis-master aggiornato regolarmente è disponibile per le versioni Alternative builds supporting macOS A nightly updated standalone installer from QGIS master can be downloaded from here.

The oldest installers support macOS Al momento Android 5 non è supportato. Il supporto migliore è offerto per Android 4. Questo è il risultato di un porting diretto della applicazione desktop QGIS.

Esistono altre app disponibili che sono progettate e ottimizzate specificamente per dispositivi touch. Su alcune piattaforme vengono forniti dei pacchetti di test di QGIS in aggiunta a quelli stabili.

Questi pacchetti contengono software inedito che è attualmente in lavorazione. Essi sono forniti solo per scopi di test per verificare che i bug siano stati risolti e che non siano stati introdotti nuovi bug. Fate attenzione. Siete stati avvertiti! È possibile selezionare più di un layer e compiere su di essi contemporanemente una operazione, ad esempio l'eliminazione. Utilizzare i tasti maiuscolo o CTRL cliccando sul nome del layer per selezioni multiple.

L' ordine dei layer nell'elenco è importante. Non tutti i layer sono trasparenti, ad esempio non lo sono le mappe di sfondo standard come Google, Bing o OSM, e vale il principio che il layer piu' in alto si sovrapponea quelli sottostanti. In generale conviene quindi che il layer bicitalia:tracce5 sia in prima o nelle prime posizioni.

Per modificare la posizione di un layer cliccare sul nome e trascinarlo.

Installazione OSGeo4W per sistemi Windows

Vi sono vari modi per aggiungere un layer alla mappa, le modalità dipendono dal tipo di layer. Facciamo di seguito alcuni esempi. Il plugin Openlayers che dovreste aver installato nella fase di configurazione permette di aggiungere layer con le mappe commerciali e non standard. Dopo aver aggiunto il plugin nel menu Web viene aggiunta la voce Openlayers al cui interno trovate le mappe standard fornite da Google, Bing, OpenStreetMap, ecc.

Cliccando sulla voce corrispondente alla mappa prescelta verrà aggiunto un layer in cima all'elenco dei Layers. Ricordare di modificare l'ordine dei layer altrimenti il layer appena aggiunto copre tutto il resto.

Se si ha a disposizione un file di tipo shape ArcGis è possibile aggiungerlo per utilizzarlo come riferimento nella tracciatura oppure per copiare dati all'interno di Bicitalia. Menu Layer - Add layer - Add Vector layer. Si aprirà una finestra in cui selezionare il file shape.

Come Source type selezionare File. Dopo aver selezionato il file premere Open. Verrà aggiunto un layer contenente i dati. Nella finestra che si apre cliccare sul tab Load GPX file per aggiungere un layer con dati GPX oppure sul tab Import other file per importare file in formati utilizzati da vari tipi di navigatori GPS o da software di cartografia.

Dopo aver selezionato il file premere Ok. Verrà aggiunto un nuovo layer con i dati. Nel caso in cui il formato del file da importare non sia compatibile con quelli disponibili in QGIS è necessario provvedere autonomamente alla conversione inun formato compatibile.

Ci sono vari programmi e tool che permettono o di esportare i file in formati diversi o di convertire i file da un formato ad un altro. Anche per questa operazione l'ordine in cui vanno eseguiti i vari passaggi è importante. Supponiamo si voglia inserire un percorso a mano, ricalcando una delle mappe di sfondo.

A questo punto la nuova traccia si trova sul nostro computer ma non ancora sul server. È possibile proseguire il lavoro inserendo altre tracce con relativi attributi. Oppure si possono trasferire i dati inseriti al server utilizzando l'icona Salva , la prima a destra della matitina gialla. QGIS potrebbe chiedere di inserire le credenziali per modificare o salvare i dati.

Le credenziali vanno chieste ad Antonio Dalla Venezia. È anche possibile cancellare le modifiche fatte utilizzando l'icona con le matitine rosse e selezionando la voce Cancel for selected layer.

Tutte le modifiche fatte dall'ultimo salvataggio verranno eliminate.

È molto importante, al fine della gestione dei percorsi e della possibilità di fare il routing utilizzando i dati inseriti, che vengano correttamente indicate le intersezioni, le non intersezioni o i punti di contatto tra le varie tracce.

Se questo non viene fatto correttamente si possono creare buchi, sovrapposizioni o possono risultare suggerimenti per la navigazione completamente errati.

Alcuni esempi di queste situazioni sono ciclovie che si intersecano in un punto. Allo stesso modo se non si mettono in contatto tra loro le estremità di tracce che fisicamente sono collegate l'una all'altra, il routing si troverà di fronte a strade che ritiene chiuse, generando percorsi allungati o non potendo generare alcun percorso a causa della mancanza di connessione.

Allo stesso modo tracce connesse che nella realtà non lo sono, faranno produrre al routing percorsi che fisicamente non sono possibili es. Per facilitare le operazioni relative alle intersezioni tra percorsi QGIS permette di abilitare la funzione di snapping.

Questa funzione permette durante le operazioni di tracciatura di spostare automaticamente il nodo che si sta inserendo in corrispondenza di un punto lungo la traccia. Questo evita che vengano inserite tracce che apparentemente si intersecano quando in realtà si sono solo inseriti punti molto vicini che a livelli di zoom non troppo elevati sembrano coincidenti.

Lo snapping permette utilizzi anche molto complicati, per cui è necessario fare attenzione a che siano attivate le corrette impostazioni nella relativa finestra.

Per attivare lo snapping su un layer bisogna spuntare l'opzione a sx della relativa riga. In genere nel caso di Bicitalia si dovrà spuntare la riga del layer bicitalia:tracce5. La casella di selezione nella colonna Mode permette di specificare su quali elementi di una linea deve avvenire lo snapping.

Nella colonna Units selezionare pixels e come tolerance Più è grande questo numero, più lontano dalla linea si attiverà lo snapping. Le 2 opzioni che si applicano a tutti i layer permettono di gestire in maniera più semplice le intersezioni tra tracce. Enable topological editing consente di gestire i punti di intersezione in modo che spostando un punto si sposti anche quello dell'altra traccia intersecata. Enable snapping on intersection consente allo snapping di agire considerando anche i layer sottostanti quello su cui si sta lavorando.

Mentre si sta inserendo una traccia l'attivazione dello snapping si evidenzia con un cambiamento del cursore. Al mirino si aggiunge una croce di colore fuxia.

Lezione 26.11 – QGIS

Cliccando quando è presente la croce verrà aggiunto un nuovo punto non nella posizione del mirino ma in quella della croce. Per modificare una traccia esistente si deve utilizzare lo strumento di modifica nodi Node Tool. Con riferimento alla matitina gialla che abilita le modifiche di un layer, si tratta della quarta icona sulla destra. Dopo aver cliccato sull'icona del tool cliccare una volta sulla linea da modificare.

I vertici della linea cambiano aspetto e vengono evidenziati con quadratini rossi.

Cliccando su un nodo lo si seleziona. A questo punto è possibile eliminarlo tramite tastiera premendo il tasto Canc. Come sempre, una volta fatte le modifiche o un gruppo di modifiche ricordare di salvare i dati cliccando sull'icona a destra della matitina gialla. Quando una traccia è selezionata viene evidenziata in colore giallo. È possibile anche fare selezioni sofisticate in base a criteri relativi agli attributi o a caratteristiche geometriche delle tracce.

Si tratta di un argomento per utenti avanzati. In modalità modifica matitina gialla , selezionare la traccia da spezzare con l'apposito tool di selezione. Poi menu Edit - Split features. Disegnare una linea che taglia la traccia e cliccare col tasto destro basta cliccare in 2 punti, uno da una parte ed uno da quella opposta rispetto alla traccia.

In modalità modifica matitina gialla , selezionare le tracce da unire con l'apposito tool di selezione. Poi menu Edit - Merge Selected Features. Per eliminare una o più tracce è necessario prima selezionarle tramite i tool di selezione. Quando si caricano dei dati da file QGIS imposta automaticamente uno stile per la visualizzazione.

In genere viene impostato un colore a caso ed una larghezza della linea abbastanza sottile. Non sembre il colore e la larghezza sono ottimali per la visualizzazione su una mappa di sfondo o per confrontare il percorso da importare con quelli già presenti in Bicitalia. NOTA BENE : queste impostazioni riguardano il modo in cui le tracce vengono visualizzate sul vostro computer, non come vengono visualizzate sul sito Bicitalia. Esistono 2 modi per inserire o modificare gli attributi associata ad una o più tracce.

Il primo, più semplice, utilizza un modulo in cui inserire testi, spuntare opzioni o selezionare voci da menu a tendina. Il secondo ha una forma più rozza ma più funzionale nel caso si vogliano fare modifiche su molte tracce o si vogliano utilizzare filtri per fare selezioni in base a valori degli attributi. Il modulo di inserimento degli attributi si apre automaticamente dopo ogni nuovo inserimento di una traccia.

Al momento non ci sono vincoli ed è possibile salvare i dati senza inserire alcun attributo. Ma sarebbe meglio compilare attentamente i vari campi prima di salvare.

Più avanti verranno inseriti alcuni vincoli che obbligheranno alla compilazione di campi obbligatori. Per visualizzare il modulo degli attributi di una traccia esistente il tool Identify Feature. Cliccare su una traccia ed attendere che appaia il modulo. Se ci si trova in modalità di sola lettura non sarà possibile modificare i dati mentre in modalità di modifica matitina gialla sarà possibile modificare i testi e le varie opzioni.

I diversi attributi sono suddivisti all'interno di schede tabs , raggruppati per argomento. Buona parte dei parametri coincide con quelli del sistema precedente.

Gli unici degni di nota sono tags e schede , parametri attraverso cui si esprime il legame tra le tracce e gli attributi associati e gli articoli presenti sul sito Bicitalia.

I tags hanno una struttura ad albero che replica quella presente sul sito joomla e già utilizzata per l'inserimento delle informazioni sulle ciclovie di qualità e sulle ciclovie Bicitalia. Il parametro schede è più semplice, non c'è struttura gerarchica, ed esprime il legame con le schede delle ciclovie di qualità ed assimilate.

Affinché una traccia venga pubblicata le va assegnato lo status pubblicata.

“Se la conoscenza deve essere aperta a tutti, perché mai limitarne l’accesso?” R. Stallman

La visualizzazione dei dati in formato tabella è di lettura e comprensione meno immediata ma vantaggiosa quando si debbano compiere operazioni ripetitive o da applicare a molte tracce.

In questo formato vengono elencate una riga ogni traccia contenuta nel sistema e nelle colonne i vari attributi associati. Quando si è in modalità modifica matitina gialla è possibile andare a modificare i dati di una cella direttamente.

Nella parte alta sono presenti una serie di icone che permettono di eseguire operazioni comuni come selezione e deselezione collegate con le righe visualizzate o selezionate nella tabella. In basso a sinistra è possibile filtrare i record visualizzati in base ad alcune condizioni es.

In alto, sotto le icone indicate prima, sono presenti degli strumenti che permettono di selezionare un campo e di applicare a tutte le righe selezionate un certo valore. Lo svantaggio della visualizzazione come tabella si ha per i campi tags e schede che nel formato modulo usano un aggeggio complesso per visualizzare i dati in formato gerarchico.

È possibile aggirare questo ostacolo usando dei metodi adatti ad utenti più avanzati. Supponiamo di avere a disposizione i dati di un percorso in un file GPX. Illustriamo qui di seguito come procedere per inserire i dati nel layer di Bicitalia.

QGIS 3.2 "Bonn", nuova versione per il GIS Open Source

Fare attenzione perché è facile sbagliare confondendo un layer con l'altro o lavorando sul layer sbagliato cioè si seleziona il layer errato. Qui sotto come appare la mappa nel caso di traccia gpx lilla a tratti parzialmente sovrapposta ai dati esistenti di bicitalia blu. Uno dei possibili modi di procedere è tagliare le parti di traccia del file gpx nuove per importarle nel layer di bicitalia, eliminare le tracce di bicitalia che non servono più, quando necessario, assegnare gli attributi ed infine collegare tra loro le varie tracce per dare continuità al percorso.

La procedura per tagliare le tracce funziona in maniera leggeremente diversa se si lavora sul layer del file gpx rispetto al file bicitalia:tracce5. Sul primo layer è più facile tagliare i vari pezzi in corrispondenza delle intersezioni con le tracce di bicitalia ma il tool di selezione seleziona l'intera traccia importata e non le singole parti tagliate probabilmente si tratta di un errore di QGIS. La traccia gialla con puntini rossi è il file gpx, quella blu è bicitalia. Nonostante la traccia gpx sia stata spezzata nei 2 punti di contatto con la traccia bicitalia, risulta tutta colorata in giallo anche se si è selezionata solo la parte centrale immagine a dx qui sotto.

Se si utilizza il tool di copia menu Edit - Copy features viene copiata tutta la traccia importata. Sesi usa la funzione Cut features menu Edit - Cut features o forbici nella toolbar viene cancellata la sola parte centrale, ma copiando in un altro layer si ritrova tutta la traccia e non il solo pezzo centrale. Lazio Marche Toscana Umbria.

Greenways Ciclovie lungo ex ferrovie Gli itinerari.


Articoli popolari: