Zirvehit.info

Zirvehit.info

Video da raiplay con opera scarica

Posted on Author Fenrill Posted in Internet

  1. Speciali 2018-2019
  2. Scaricare video da YouTube è legale?
  3. Come scaricare su Mac o PC video direttamente con Safari

Hai cercato su internet dei metodi efficaci per scaricare video da RaiPlay ma sei rimasto deluso dal materiale proposto? Non ti preoccupare! In questa guida. Fino a qualche anno fa, molti filmati e spettacoli TV della Rai si potevano rivedere su zirvehit.info Infatti avevamo già scritto una guida su come scaricare video da. Avresti potuto installare l'App Video & TV SideView, in questo modo . navigando col browser OPERA sul sito zirvehit.info e cliccando sui vari video presenti. Soffriva però di una limitazione: non era compatibile con Rai Replay, il servizio che Chrome/Chromium: Tampermonkey; Opera: Tampermonkey Video in flash su sottodomini di zirvehit.info — I video sono in formato MP4.

Nome: video da raiplay con opera scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 41.27 MB

Fino a qualche anno fa, molti filmati e spettacoli TV della Rai si potevano rivedere su Rai. Infatti avevamo già scritto una guida su come scaricare video da Rai. Oggi quel servizio si chiama RaiPlay e rappresenta un immenso archivio di video, spettacoli e docfilm pronti da visualizzare tramite il proprio computer o dispositivo mobile, in qualsiasi momento e località.

Come fare? Qui di seguito daremo la risposta a questa domanda descrivendo le soluzioni da adottare per scaricare video da RaiPlay su PC e Mac. Qui di seguito vediamo come scaricare video da RaiPlay utilizzando questo straordinario software.

Accedi adesso al sito di RaiPlay.

Il loro scopo era di creare una piattaforma dove studiosi di tutto il mondo in particolare quelli del CERN, naturalmente potessero condividere liberamente i loro risultati di ricerca e confrontarsi sui possibili risvolti per il futuro. Nel giro di pochi mesi, quasi per un processo di "evoluzione naturale", la ragnatela di siti e collegamenti ipertestuali hyperlink divenne più grande e più varia, ospitando portali e pagine riguardanti gli argomenti più disparati.

Ad oltre 20 anni da quei primi passi, la situazione è un po' cambiata. Il meccanismo su cui si basa questa operazione è piuttosto semplice da spiegare e comprendere.

Gli indirizzi IP , naturalmente, non sono assegnati a caso: gli oltre 4 miliardi di "domicili virtuali" sono dapprima suddivisi per blocchi e successivamente ogni blocco assegnato a una nazione differente. In questo modo, limitare la visione dello streaming di una partita o di un evento televisivo è piuttosto : l'accesso al portale o al singolo contenuto multimediale è permesso solo agli indirizzi provenienti da un singolo "blocco nazionale", mentre tutti gli altri IP ne restano al di fuori.

Esempi in questo senso possono essere: impedire che un sito di propaganda antigovernativa sia visualizzabile dall'interno del paese al quale si riferisce oppure il caso delle pagine di ricerca di Google che sono "epurate" di alcuni contenuti, per i quali è stato richiesto il "diritto all'oblio", ma soltanto per i navigatori appartenenti all'intera Unione Europea. Se proprio si avesse la necessità di dover accedere a questi contenuti, ci sono alcune tecniche informatiche che consentono di aggirare le limitazioni e visionare ugualmente lo streaming desiderato.

Il primo metodo, il più semplice e immediato da mettere in atto, prevede l'utilizzo di un server proxy attraverso il quale far transitare la propria connessione e risultare come se si navigasse da una nazione estera.

Speciali 2018-2019

Sfruttando una folta rete di server dislocati in tutto il mondo, un servizio proxy è in grado di nascondere l'indirizzo IP originario di un internauta e assegnargli arbitrariamente un "domicilio virtuale" in un altro Paese. Nel caso in cui si voglia proseguire su questa strada, è possibile installare alcune estensioni per browser che permettono di "alterare" la propria identità web, fingendo di essere quello che non si è.

Hola è una delle più famose e utilizzate. Disponibile su Firefox, Chrome, Windows, OS X e Android, permette di agganciarsi con semplicità a un proxy server e visualizzare streaming fino a poco prima vietati.

Proxmate svolge le stesse funzioni anche se ha un processo di installazione un po' più complicato — specialmente su Chrome.

Il suo funzionamento e la sua configurazione,come del resto anche Hola, non richiedono invece particolari abilità informatiche.

Allo stesso modo, anche le VPN acronimo di Virtual Private Network consentono di aggirare le restrizioni geografiche e poter vedere video o ascoltare musica altrimenti "irraggiungibili" dal luogo in cui ci troviamo.

Le VPN, oltre a creare un "tunnel" virtuale attraverso il quale far transitare in maniera crittografata i dati della nostra connessione Internet, consentono di mascherare il proprio indirizzo IP con uno di nostra scelta , solitamente estero.

Scegliendone uno di una nazione non interessata al blocco geografico dei contenuti, potremmo accedere al video o alla traccia musicale in completa libertà.

Anche se è possibile creare una VPN in casa sfruttando un computer inutilizzato come un vecchio Mac , ad esempio , online è possibile trovare diversi servizi che offrono VPN gratis o quasi , sia per PC sia per smartphone Android e iOS. TunnelBear , ad esempio, mette a disposizione un pacchetto di megabyte di navigazione VPN gratis ogni mese: basta scaricare l'estensione per il browser che si utilizza o l'app per smartphone , creare un account e avviare il servizio ogni volta che se ne ha bisogno.

Utilizzando il browser Opera , invece, non si avranno restrizioni: l'utente potrà navigare liberamente sotto VPN tutto il tempo che vuole, senza preoccuparsi di un limite temporale o di dati. Certo, la scelta degli IP geografici è limitata a una manciata di Paesi, ma si tratta comunque di una scelta più che sufficiente. Rispetto al proxy server, la tecnica del DNS tunneling permette di ottenere prestazioni migliori e più affidabili.

Scaricare video da YouTube è legale?

Questo perché, creando una sorta di "tunnel protetto" all'interno del Domain Name System , tutte le richieste in arrivo ai siti "schermati" sembreranno arrivare dalla stessa area geografica, ovvero quella in cui è collocato il DNS server "d'appoggio".

In questo caso la navigazione sarà diretta e non transiterà su siti o server esteri, assicurando prestazioni migliori e maggiore affidabilità. Come vedere i video con restrizioni legate al Paese. Come fare?

Qui di seguito daremo la risposta a questa domanda descrivendo le soluzioni da adottare per scaricare video da RaiPlay su PC e Mac. Qui di seguito vediamo come scaricare video da RaiPlay utilizzando questo straordinario software. Accedi adesso al sito di RaiPlay. Potrai scaricare qualsiasi tipo di video: fiction, film, documentari, intrattenimento, ecc… insomma tutto quello che è andato in onda su tutte le reti RAI.

Una volta trovato il video desiderato, copia la URL del video, come evidenziato nella figura sotto:. Tutto qui.

In pochi minuti potrai scaricare tutti i video e filmati che desideri dal sito di RaiPlay. Ma AllMyTube possiede, come detto prima, anche una funzione che registra tutto quello che appare sul tuo desktop.

Come scaricare su Mac o PC video direttamente con Safari

Fai in modo che il riquadro tratteggiato in rosso ricopra tutto lo schermo del video e infine clicca sul pulsante REC in alto a sinistra per iniziare la registrazione. Al termine della registrazione il video verrà automaticamente scaricato sul tuo PC o Mac. Potrai anche scegliere il formato di uscita in base alle tue esigenze.

Ho fatto : il convertitore collegato al PC windows 8,1 i 4 cavi sul davanti del recorder Sony presa per la telecamera, e collegato al TV. Quindi bisogna acquistare e,sa dirmi, quanto costa? I video scaricati, trasferiti poi su chiavetta o memoria sono vedibili su TV , direttamente o tramite lettore?


Articoli popolari: